Percorso PsicoNutrizionale

Percorso PsicoNutrizionale

La PsicoNutrizione è un nuovo ed interessante approccio, olistico ed interdisciplinare, tra Scienza della Nutrizione e Psicologia, che esplora le relazioni tra pensieri, sentimenti e credenze inconsce sulla nutrizione, il loro impatto sulle condotte alimentari e sul metabolismo. In particolare si concentra sulle affascinanti connessioni tra cervello, corpo, digestione e comportamento alimentare. Esistono profonde connessioni tra ciò che mangiamo ed il nostro cervello. La Psico Nutrizione affronta in modo nuovo le problematiche più comuni della Fame Emotiva, della Dipendenza dal Cibo e le difficoltà che incontra soprattutto a lungo termine chi vuole dimagrire o vuole stabilire un rapporto più sano e benefico con la propria alimentazione.
Il percorso Psico Nutrizionale prevede, quindi, l’azione congiunta e combinata di due tipi di interventi strettamente correlati: l’intervento del dietista che attraverso il percorso di educazione alimentare, la dieta e la perdita di peso, inciderà su aspetti psicologici (intervento dello psicologo-psicoterapeuta) riguardanti l’autostima, l’immagine corporea, la motivazione al cambiamento e una vasta gamma di emozioni, che a loro volta influiranno positivamente sull’alimentazione.

  • La Dr.ssa G. De Palma (Psicologa – Psicoterapeuta), nel corso del primo colloquio, oltre ad indagare sulla storia psichica del paziente, somministra alcuni test psicologici che daranno indicazioni rispetto alla eventuale presenza di un disturbo alimentare o meno ed indicheranno se vi sono dimensioni della personalità sulle quali è maggiormente necessario lavorare. Si tracciano così le basi per cominciare un lavoro insieme. Sin dal primo incontro, il paziente riceve un elenco di “Strategie Psicologiche” da adottare per seguire, con facilità ed umore sereno, le indicazioni alimentari che riceverà poi dalla dietista. La dr.ssa, inoltre, durante il percorso, aiuterà la persona a trovare la giusta motivazione per ottenere e mantenere risultati ragionevoli, offrendo sostegno psicologico, sia in caso di modificazioni fisiologiche (sonnolenza,  aumento della fame, apatia, etc…) sia in caso di modificazioni a livello emotivo e sociale (tendenza alla depressione, ansia, irritabilità, isolamento o evitamento di situazioni sociali etc…). Infine, il supporto psicologico consentirà di gestire la relazione che intercorre tra immagine corporea e sfera emotiva (accettazione di cambiamenti importanti riguardo la propria fisicità, ma anche accettazione dei propri limiti rispetto al dimagrimento). L’intero lavoro insieme verte sull’importanza di acquisire uno Stile di Vita Sano duraturo nel tempo.
  • La Dr.ssa C. Pari (dietista) ha il compito di seguire la persona dal punto di vista nutrizionale. La prima visita consiste in un colloquio approfondito, per un’accurata anamnesi alimentare, e nel rilievo di dati antropometrici che permettono di quantificare il grado di obesità e tipizzarla (es. centrale, periferico, misto). Successivamente alla visita, la professionista curerà l’elaborazione del piano alimentarea volte anche solo iniziando con modifiche graduali alle abitudini del paziente. Inoltre, la dr.ssa si avvale di strumenti quali i diari alimentari (dove il pz scriverà anche gli stati emotivi). La persona viene così aiutata a modificare, gradualmente, lo stile alimentare e di vita con l’acquisizione di nuove abitudini e nuovi comportamenti. L’obiettivo principale del percorso non sarà solo quello di un importante calo ponderale, ma anche, e soprattutto, quello di educare ad un corretto approccio verso il cibo, insegnare ad alimentarsi in modo equilibrato, affinché il paziente acquisisca un Sano Stile di Vita che sia duraturo nel tempo.
    Allo scopo di rendere il percorso più completo ed efficace il centro prevede la presenza di un team allargato, di cui fanno parte lo Psichiatra e, attraverso una comunicazione a distanza, anche il Medico di Medicina Generale di ogni paziente.
  • Medico di Medicina Generale: È di fondamentale importanza che il medico, dia una valutazione complessiva, indichi alle professioniste su quali comorbilità e fattori di rischio, legati al sovrappeso e all’obesità, sarà bene porre maggiore attenzione (presenza di diabete, ipercolesterolemia, ipertensione, iperuricemie, …), anche attraverso regolari esami emato-chimici e accertamenti strumentali (ecografie, ecodoppler…). La comunicazione tra i professionisti, prevista dal percorso, permetterà, infine, di integrare i dati raccolti garantendo una attenzione completa al paziente.

Il percorso psico-nutrizionale prevede regolari controlli (psicologa e dietista) ogni 30 giorni per i primi 3 mesi e, successivamente, ogni 45 o 60 giorni per altri 6 mesi.
Gli appuntamenti dopo l’anno sono consigliati ma non obbligatori.
Nel primo anno di percorso, invece, si richiede la massima precisione per raggiungere gli obiettivi che il paziente e l’equipe si prefiggono insieme, anche perché la costanza nel seguire un percorso di lavoro su se stesso eleva l’autostima e, di conseguenza, la psiche aiuta a dimagrire più velocemente!

 

Come si accede al percorso psiconutrizionale?
Il percorso prevede un primo colloquio con la dr.ssa G. De Palma (psicologa – psicoterapeuta); nel corso del colloquio si valuterà insieme se procedere con il lavoro standard oppure (come accade nella maggior parte dei casi) personalizzare il percorso.
La modalità standard prevede, dopo un primo colloquio con psicologa e successiva visita con dietista, successivi controlli che le professioniste effettuano insieme. Tuttavia, si potrebbe anche optare, inizialmente, per una breve psicoterapia e solo successivamente procedere con il lavoro educativo sul piano alimentare; oppure valutare la possibilità di un lavoropsicoterapeutico ed un lavoro nutrizionale in parallelo e non con controlli standard.
.

Step del Percorso PsicoNutrizionale

  1. Piano Alimentare ed Indicazioni Comportamentali per dare inizio ad un Nuovo e Sano Stile di Vita;
  2. Il Momento del Pasto: come vivere in maniera sana e piacevole il pasto;
  3. L’Attività Motoria: la sua importanza fisica e psichica;
  4. Il Pasto Fuori Casa ed i diversi momenti conviviali: non bisogna privarsene;
  5. Le Festività, come gestirle in maniera sana e piacevole;
  6. Come Gestire i Momenti Difficili senza mollare;
  7. Imparare a Rispettare i propri tempi fisici e psichici.

.

Obiettivi del Percorso Psico Nutrizionale

  • strutturare un cambiamento nello stile di vita che sia duraturo nel tempo
  • individuare un obiettivo di peso ragionevole e raggiungerlo
  • distinguere fame biologica da fame emotivaed imparare a gestire quest’ultima senza il cibo
  • trovare la giusta motivazione per portare a termine il percorso iniziato
  • lavorare sulle emozioni negative legate a problematiche relazionali e/o psicologiche
  • migliorare l’autostima ed il contatto con l’immagine corporea
  • controllare le ricadute

.

L’Innovazione
L’innovazione del percorso PsicoNutrizionale è anche nella modalità educativa della figura della dietista che accompagna gruppi di pazienti nell’acquisto dei cibi, insegnando loro l’importanza di saper interpretare le etichette e di saper scegliere alimenti qualitativamente sani. Successivamente, attraverso un incontro di gruppo con la psicologa, i pazienti analizzeranno insieme le emozioni che suscita l’esperienza della spesa assistita e la successiva preparazione/assunzione di quegli alimenti, una volta giunti a casa.
Inoltre, l’equipe propone incontri di gruppo (tenuti da dietista e psicologa insieme) nel corso dei quali si affronteranno temi ben definiti; per esempio: a tavola con le emozioni, la fame organica e la fame emotiva/psicologica, gli stati d’animo che inducono alla ricerca di cibo, la percezione corporea, come spostare l’attenzione dal “numero” della bilancia allo stile di vita sano, strategie comportamentali alternative alla ricerca di cibo e tante altre tematiche.